Monthly Archives: dicembre 2013

Duemilaquattordici

      Che i Trecentosessantacinque del Duemilaquattordici siano uno più bello dell’altro. Che per ognuna delle cinquantadue ci sia almeno un giorno di vero riposo. Che almeno una volta in ognuno dei dodici si possa visitare un nuovo luogo. Non da soli. Il corridoio verso l’uscita dal duemilatredici è stretto, lungo, buio e pieno di insidie ma siamo vicini all’uscio. Auguro e spero che per tutti-ma-proprio-tutti l’ingresso e la permanenza nel duemilaquattordici siano luminosi …

Continua a leggere →

SaCaNà numero Due

Smaltiti i piaceri e le fatiche del Natale in senso stretto, ci si appresta ai giorni di avvento del nuovo anno. Qualcuno ha già cominciato il conto alla rovescia in silenzio, qualcun altro ha già cominciato a distribuire Auguri a destra e a manca. Ecco pronti i bilanci, pubblici e privati: pubblici, su quali sono stati i migliori film dell’anno, i migliori album di musica, i migliori vip, le più belle fotografie, ecc.. Quest’anno la …

Continua a leggere →

Is over war? It’s Christmas

  E’ Natale ogni volta che finisce una guerra Che sia fuori di te Che sia dentro di te Ogni volta che finisce una guerra è Natale. Se hai notizia di una guerra, cercala e affrontala Combattila Vincila, se puoi Ma non restare col dubbio della guerra. Insegui la pace prima della guerra. Ma sia la pace la tua meta. Finisci la tua guerra e sfiniscila. E sia pace oltre la guerra. Buon Natale! (mara …

Continua a leggere →

SaCaNà numero Uno

E così è finita. La scuola, per ora. Ecco le vacanze di Natale. Vacanze? Per molti, ma non per tutti. Vacanza dalle lezioni per i docenti di ruolo. Noi precari, dice il MIUR, su suggerimento del MEF, saremo in ferie, non in sospensione dell’attività didattica. Oggetto di spendinreviù noi supplenti-incaricati-annuali. C’est l’Italie! Dai, che SaCaNà incombe. Da domani scuole chiuse, uffici quasi vuoti, fabbriche (quelle che reggono) quasi ferme; superlavoro per i trasporti, gomma, rotaia, …

Continua a leggere →

SaCaNà numero Zero

Svegliarsi la domenica mattina, nella terza domenica d’Avvento. Essere in attesa di qualcosa. Non sapere bene cosa; non hai ancora preso il caffè e le prime sensazioni della giornata ancora non sono chiare, forse neanche lucide. E’ in questo stato di “semincoscienza provvidenziale” che mi si presenta davanti il senso dell’attesa. Libero la nebbia del sonno, mi tuffo in un caldo mare fluido come mercurio che mi avvolge tutta ma non mi bagna, riemergo a …

Continua a leggere →

Grazie, Mandela! R.I.P.

Grazie, Mandela! R.I.P.

“Let there be justice for all. Let there be peace for all. Let there be work, bread, water and salt for all. Let each know that for each the body, the mind and the soul have been freed to fulfill themselves.”  (Nelson Mandela)  

Continua a leggere →

Viva la Casta

Viva la Casta

Viva la Casta! Grazie, Casta! Tra uno starnuto e l’altro, faccio capolino su Facebook e nella home mi appare la notizia che Letitia Casta esce sulla copertina di Vanity Fair Francia di dicembre, “restando tale solo di cognome“. Apro il link e trovo la foto che vedete qui a fianco. Quello che mi colpisce non è tanto la foto in sè, quanto i commenti che le donne scrivono. Tutte giudicano sconveniente la foto. Non per …

Continua a leggere →