Monthly Archives: marzo 2014

Il broccolo di Dino meritevole di Monumento

Il broccolo di Dino meritevole di Monumento

Da una settimana le mie giornate non trascorrono più come prima, Qualcosa è cambiato. Volete sapere cosa? La musica nel mio iPhone. Da una settimana ha scalato la hit un nuovo album. E’ arrivato e ha mandato giù gli altri: giù Bollani-Grandi, giù Baustelle, giù pure Guccini, giù perfino Cannonbal Adderley. E su, fino in cima il mio straordinario conterraneo, Peppe Voltarelli con il suo ultimo lavoro “Lamentarsi come ipotesi”. Sabato scorso sono andata a …

Continua a leggere →

Promemoria 21 marzo

Promemoria 21 marzo

Cose da fare il 21 marzo. Agire memoria e impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Leggere coralmente un brano del Maestro Mario Lodi. Dire NO a tutti i razzismi. Annunciare a tutti che la Trisomia 21 (sindrome di Down) dà il diritto a vivere bene. Dare un saluto di benvenuto a Primavera. Metterci dentro tanta poesia. Possibilmente, ricordarsi di farlo ogni giorno.

Continua a leggere →

Parole come pane, la sintassi di Nisida

articolo pubblicato su Zoomsud a questo link Ci sono delle porte che non si aprono perché che non si possono aprire. E ci sono delle porte che non si possono aprire, tranne qualche eccezione. E’ un’eccezione diventata regola l’apertura delle porte dell’Istituto Penale Minorile di Nisida durante il primo quadrimestre dell’anno scolastico. Da quelle porte, ogni anno, da cinque anni, alcuni scrittori fanno il loro ingresso nelle aule del Laboratorio di Lettura e Scrittura della …

Continua a leggere →

Rotativa

Vi invito a cantare, tutti insieme, sulle note di Chico Buarque, la reinterpretazione della sua Roda Viva, qui adattata a Rotativa…Accendete il video e cantate, le parole le trovate appena sotto. Buona cantata! Cu’ dici c’a genti si senti Comu ca partìu ‘u rre ‘A genti stancò m’u li senti E fuj m’u pensa pe’ sé. A genti chi poi li ciangiva Non possa destinu bramàr Ma esti chi cerc’a rotativa E carrìa u destinu …

Continua a leggere →

L’amore del cavolo (NotOde Slow)

L’amore del cavolo (NotOde Slow)

Ho trovato un contadino fidato. Dopo la prova de La ricetta del cavolo, son tornata da lui con una richiesta specifica: “Ciao, Dino!” Oh già, qui ti danno tutti del tu e allora mi sono adeguata. Non conosco il nome del contadino e ho deciso che lo chiamerò col diminutivo, Dino.  Ho chiesto a Dino come avrei potuto fare a rendere il cavolo nero come piatto esclusivamente vegetariano, che ho qualche amicizia cui non posso …

Continua a leggere →

Abbiamo fame e sete di gentilezza

Che poi, riflettendo, a pensarci bene, dovremmo esser contenti. Ci lamentiamo in continuazione delle scortesie, dell’aggressività, della mancanza di galateo e di stile che regnano sovrani dappertutto, e soprattutto in politica. Non vediamo e non sentiamo altro che maledizioni, improperi, parolacce, bestemmie e malanove. Mentre desideriamo toni pacati, distesi, persone calme, in virtù di forza. E allora? Allora, in questo neogoverno,  avremmo potuto avere un neosottosegretario Scorbutico, oppure un Collerico, il signor Iracondo, persino il …

Continua a leggere →