0 Flares Filament.io 0 Flares ×

 

Nino Costa e Papa FrancescoNino Costa e Papa Francesco

Il Papa, durante l’omelia della celebrazione eucaristica tenuta oggi durante la sua visita pastorale a Torino, ha citato un poeta piemontese che in pochi conoscono: Nino Costa.
Ebbene, quest’anno ho avuto l’onore di insegnare in una Scuola primaria ad egli intitolata. 🙂
Ha detto il Papa: “Cari fratelli e sorelle torinesi e piemontesi,  i nostri antenati sapevano bene che cosa vuol dire essere ‘roccia’, cosa vuol dire ‘soliditĂ ’. Ne dĂ  una bella testimonianza un famoso poeta nostro” , e poi ha citato alcuni versi che la sua nonna Rosa gli ripeteva spesso.
Quelli che seguono sono i versi della poesia che il Papa ha citato: 

Rassa nostrana

Aj Piemunteis c’ha travajo fora d’Italia

“Drit e sincer, cosa ch’a sun, a smijo:
teste quadre, puls ferm e fìdic san
a parlo poc ma a san cosa ch’a diso
bele ch’a marcio adasi, a van luntan.

Sarajé, müradur e sternighin,
minör e campagnin, sarun e fré:
s’a-j pias gargarisé quaic buta ed vin,
j’é gnün ch’a-j bagna el nas per travajé.

Gent ch’a mercanda nen temp e südur:
– rassa nostrana libera e testarda –
tüt el mund a cunoss ch’i ch’a sun lur
e, quand ch’a passo … tüt el mund a-j guarda:

Biund canavesan cun j’öj colur del cel
robüst e fier parej d’ij so castej.
Muntagnard valdostan daj nerv d’assel,
mascc ed val SĂĽsa dĂĽr cume ed martej.

Face dle Langhe, rubie d’alegrìa,
ferlingot desciulà d’ij pian versleis,
e bieleis trafigun pien d’energìa
che per cunossje a-i va set ani e un meis.

Gent ed Cuni: passienta e un poc dasianta
ch’a l’ha le scarpe grosse e el servel fin,
e gent munfrina che, parland, a canta,
ch’a mussa, a fris, a böj … cume ij so vin.

Tüt el Piemunt ch’a va serchesse el pan,
tĂĽt el Piemunt cun sua parlada fiera
che ant le bataje del travaj ĂĽman
a ten auta la frunt … e la bandiera.

O biunde ed gran, pianüre dl’Argentina
“fazende” del Brasil perse an campagna
i sente mai passĂ© n’”aria” munfrina
o el riturnel ed na cansun ed muntagna?

Mine dla Fransa, mine dl’Almagna
che el fĂĽm a sercia an gir parej ed na frangia,
vujaute i pöle dì s’as lo guadagna,
nost ovrié, cul toc ed pan ch’a mangia.

Quaic volta a turno e ij sold vansĂ  ed bun giĂĽst
a-j rendo un ciabotin o un toc ed tera
e anlura a anlevo le sue fiëte ed süst
e ij fiolastrun ch’a l’han vinciü la guera.

Ma el pi dle volte na stagiun perdĂĽa
o na frev o un malör del so mesté
a j’incioda ant na tumba patanüa
spersa ant un camp-sant forestĂ©.” (Nino Costa)

Ecco la traduzione in italiano,  anche se non è difficile arrivarci :

Razza nostrana
Ai piemontesi che lavorano fuori d’Italia

Dritti e sinceri, sono veramente come assomigliano:teste quadre, polso fermo e fegato sano.
Parlano poco, ma sanno cosa dicono E anche se camminano adagio, vanno lontano.
Fabbri, muratori, selciatori, minatori e contadini, carradori e fabbri ferrai, anche se a loro piace gargarizzare qualche bottiglia di vino, non c’è nessuno che li superi nel lavoro.
Tutto il Piemonte con la sua lingua fiera, tutto il Piemonte che va a cercarsi il pane, tiene alta la fronte e la bandiera nelle battaglie del lavoro umano.
Pianure dell’Argentina bionde di grano, Fazende sperdute, immense del Brasile, una musica monferrina sentite da lontano o una canzone di montagna il ritornello ?
Gente che non mercanteggia tempo e sudore: -Razza nostrana libera e testarda – Tutto il mondo conosce chi sono loro. E, quando passano, tutti li guardano.
Mia gente monferrina che parlando canta, spumeggiante, frizzante, in ebollizione come il suo vino.
Razza nostrana libera e testarda, il mondo intero li conosce bene.
Ma il piĂą delle volte una stagione perduta O una febbre o una disgrazia del loro mestiere Li inchioda a una tomba nuda Dispersa in un cimitero forestiero.
A volte ritornano e il denaro risparmiato col lavoro permette l’acquisto di una piccola casa e di un pezzo di terra.
E, allora, allevano le loro figlie giudiziose E figli in gamba, mica degli stupidi.
Gente che non mercanteggia tempo e sudore – Razza nostrana libera e testarda – Tutto il mondo conosce chi sono loro E, quando passano, tutti li guardano.
Mia gente monferrina che parlando canta, spumeggiante, frizzante, in ebollizione come il suo vino.
Razza nostrana libera e testarda, il mondo intero li conosce bene. Razza nostrana libera e testarda, il mondo intero li conosce bene.

 

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Pin It Share 0 Filament.io 0 Flares ×
Share