490 posts Posts by mararechichi

Obbedisco

Obbedisco

Obbedisco alla circolare in arrivo a firma del Ministro e non darò compiti per Natale. Darò solo alcuni giochini da fare in famiglia, tipo: 1- dici a mamma, papà, nonni, zii, fratelli e cugini di disegnare i rettangoli coi numeri. Vince chi li disegna meglio. 2- mentre giocate a tombola, prova ad indovinare: dove stanno i numeri con 0 unità sul tombolone? Quanti sono i numeri con decine ed unità uguali? Quanti sono i numeri …

Continua a leggere →

Favola governante

Si Conte che una mattina del mese Di Maio, qualcuno Bussetti alla porta di un Casalino sperduto. Venne ad aprire una donnina gentile che, con Toninelli pacati, subito salutò: “Bongiorno!, come posso esservi utile? Chi siete?” “Bongiorno a lei!” – disse una voce dura – “Siamo dei Milanesi diretti a Savona e stavamo cercando un posto dove poter fare un breakfast”. La donnina chiese: “Quanti siete?” La risposta fu sorprendente: “Non lo sappiamo bene: Tria, …

Continua a leggere →

Benvenuto, Fiorbetto!

Benvenuto, Fiorbetto!

La prima settimana è passata. Già volata via! Tempo pieno già dal secondo giorno, con annessa mensa. E intervalli in cortile, che il caldo di Torino è caldo serio e non basterebbero tutti i torét messi insieme a formare un piccolo mare dove trovare riparo. Al pomeriggio il sole irradia i suoi cocenti raggi direttamente dentro la nostra aula e quello che possiamo fare è aprire le finestre con sistema Vasistas e abbassare le veneziane. Così la …

Continua a leggere →

Primo giorno di scuola, da decreti delegati

Primo giorno di scuola, da decreti delegati

E’ andato. Il primo giorno di scuola è andato. 8.30, puntuali. I bimbi son tornati, nuovi nuovi. Ci siamo ri-accolti reciprocamente, ci siamo scambiati saluti, abbracci, brevi racconti dell’estate. Poi una fiaba “I piccoli fiori della felicità”, raccontata dalla mia Collega che insegna italiano, riflessioni e disegni. Infine,  attività di origami geometrico-matematico affichè ognuno desse vita al proprio fiore della felicità che abbiamo “piantato” sui davanzali dell’aula. 12.30 campanella del primo giorno, si esce. Da domani, …

Continua a leggere →

Si riparte con la seconda

Si riparte con la seconda

“Focumeu!” – disse la maestra – “Domani ricomincia la scuola! Sono pronta?” C’è un’ansia particolare che precede il primo giorno di scuola. La provano gli studenti, la provano gli insegnanti. Quella degli studenti è legata un po’ anche a quello dei genitori, non dimentichiamo che anche questi provano ansia. Anzi, forse sono quelli che più di tutti pensano ai giorni che verranno come giorni faticosi, incerti, deboli dell’esperienza che han fatto ai tempi loro, che …

Continua a leggere →

Nulla per scontato

Nulla per scontato

Questo cielo di Torino va a chiudere il mio primo giorno di scuola del nuovo anno. Sembrerebbe un cielo scontato, in fondo ogni giorno abbiamo un’alba ed un tramonto. Ma mai, nessuna alba è uguale ad un’altra alba e mai nessun tramonto è uguale ad un altro tramonto. E’ per questo che si ripetono. Mai dare per scontato alba e tramonto. Stamattina ho iniziato la giornata con il messaggio di Alessandro D’Avenia sul Corriere della …

Continua a leggere →

Agosto, però

Ogni giorno, intorno alle 18, di fronte al Palazzo di Città di Locri, alla fermata dei pullman, ci sono sempre persone che aspettano il bus da Reggio Calabria per Firenze-Bologna-Milano-Torino e altre città che stanno sul percorso. Due, tre, dieci; sono di Locri e del suo entroterra: Antonimina, Gerace, Portigliola. Stasera alla fermata c’erano decine di viaggiatori e accompagnatori. Sono arrivati 5 pullman; li hanno presi e li hanno portati via, svuotando i paesi. Come ad …

Continua a leggere →

We stay hungry. Di teatro.

We stay hungry. Di teatro.

Son tornata a teatro stasera. “Nella splendida cornice” del Teatro greco-romano di Portigliola, città/parco archeologico di Locri Epizefiri, ho assistito all’Iliade di Baricco,  curata e recitata da  Blas Roca Rey, con Monica Rogledi. Musiche di Pino Cangialosi, eseguite dallo stesso autore con Fabio Battistelli e Marzouk MejriWe. Bravi gli attori e bravi i musicisti, per carità!, e dico niente sulla rappresentazione, tranne che: comprare l’audiolibro e mettersi le cuffie ad alto volume è la stessa cosa, o giù di …

Continua a leggere →