356 articoli Articoli pubblicati in Note

La Calabria è quella cosa che (Venticinque)

La Calabria è quella cosa che ti affitta una casetta al mare in cambio di pepite d’oro, ti mette dentro gli arredi della guerra, pure il materasso su cui dovresti riposare le membra dal lungo inverno lavorativo è fatto ancora di coppe di granturco, e non vuole ancora capire che con una piccola pepita d’oro spesa all’Ikea potrebbe far splendere un gallinaro mettendo dentro la borsa del turismo un letto di ferro, due stipetti e …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventiquattro)

La Calabria è quella cosa che al 16 di agosto dovrebbe essere sfinita dai bagordi ferragostani, invece è pronta in pista a ripartire con balli e canti per San Rocco che oggi si venera in tutta la Calabria e fuori dalla Calabria,  in ogni pizzo di mundo dove ci sono calabresi; perché è vero che Tarantella bla bla, ma anche Rock fa la sua parte. #ballorock

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventitré)

La Calabria è quella cosa che a Ferragosto non ti dice Auguri, non si usa; però comincia a celebrare l’antivigilia, giorno 13, chiudendosi in cucina a impanare cotolette, tagliare a pezzi pipi e patate, tagliare a fette melanzane, spezzare pomodori da sugo, impastare pasta di casa, sfilettare fiori di zucchine, scegliere i salumi e i formaggi dalle cantine; poi continua a festeggiare la vigilia, giorno 14, creando una grande cappa di fritto grande quanto tutta …

Continua a leggere →

LaCalabria è quella cosa che (Ventidue)

La Calabria è quella cosa che si fa notizia quando accade qualcosa di universalmente rilevante in qualunque angolo di questo pezzo di Terra;  ti fa notizia quando per quella cosa accaduta ti senti particolarmente emozionato, che sia gioia o che sia tristezza; ti dà notizia quando una cosa valutata “normale” in altri luoghi qui diventa così eccezionale da doverla annunciare al mondo intero in stile “i ‘nu pilu ficiru ‘nu palu” * ; è essa …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventuno)

La Calabria è quella cosa che suona e canta da sempre, non ha fatto fortuna sulla tarantella, magari la farà anche, grazie ai numerosi musicisti che reinterpretano il genere (ve li dico un’altra volta), ma ha donato al mondo calibri classici come Francesco Cilea e Alfonso Rendano, calibri cantautorali come  Dario Brunori, Sergio Cammariere e Rino Gaetano, calibri pop come Mino Reitano, Tony Vilar, la Mia Mimì Martini che ancora piangiamo, Peppe Voltarelli che rivolta mezza …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Venti)

La Calabria è quella cosa che ha una vista così acuta che fa un grande baffo alla lince, l’essere vivente che vede meglio di tutti (per antonomasia), tanto che riesce a trovare il “ma” in qualunque cosa, che sia piccola o grande; che si tratti di un chicco di grano in cui si potrebbe scorgere il tocco di un insetto, che si tratti di un’anguria della quale si potrebbe dire che ha troppi semi, arriviamo …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Diciannove)

La Calabria è quella cosa che non sembra ma è così grande che ha richiesto due date dell’evento dell’anno, il Jova Beach Party, una a Praia a Mare nel cosentino ed una a Roccella Jonica nel reggino che sarà oggi, nel giorno di San Lorenzo (ricordatevi di augurare Buon Onomastico al Nostro), quando si potranno ammirare le stelle cadendi (ho sbagliato a digitare ma non correggo, in onore dei cosentini), quando la spiaggia nella zona …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Diciotto)

La Calabria è quella cosa che nel dialetto ti trasforma le parole nel breve tratto di pochi metri, così che , per esempio, campanello lo dici campanellu, ti sposti di poco e diventa campaneju, vai avanti e senti campanegliu, più in là e dici campaneddhu, cambi zona e diventa campanedu,  e ancora vai fino a kudùni, parola che appartiene alla lingua grecanica ancora parlata nell’area geografica di Bova, dove un gruppo di giovani cerca di mantenere viva questa lingua organizzando “To ddomadi greko”, la settimana …

Continua a leggere →