25 articles Tag Calabria

Agosto, però

Ogni giorno, intorno alle 18, di fronte al Palazzo di Città di Locri, alla fermata dei pullman, ci sono sempre persone che aspettano il bus da Reggio Calabria per Firenze-Bologna-Milano-Torino e altre città che stanno sul percorso. Due, tre, dieci; sono di Locri e del suo entroterra: Antonimina, Gerace, Portigliola. Stasera alla fermata c’erano decine di viaggiatori e accompagnatori. Sono arrivati 5 pullman; li hanno presi e li hanno portati via, svuotando i paesi. Come ad …

Continua a leggere →

U. O. S. Uno

U. O. S.  Uno

Busso all’Ufficio Oggetti Smarriti, c’è un antico battiporta a testa di leone dalla cui bocca viene fuori l’anello da prendere e mandare su e giù fino alla porta per fargli fare “toc toc”. La porta si apre automaticamente, non c’è portiere. In realtà non c’è neanche un custode; all’UOS tutti siamo custodi di tutto, perché gli Oggetti (qualcosa/qualcuno) Smarriti appartengono a tutti, nessuno ne è proprietario esclusivo. Entro, percorro il corridoio luminoso e vado in …

Continua a leggere →

Ho scelto questo libro perchè 1

Ho scelto questo libro perchè 1

Stamattina è stata inaugurata la 28a edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Dunque, la kermesse, ha avuto inizio. Sono andata per due ore soltanto, giusto il tempo di fare un giro veloce nei padiglioni 2 e 3, che poi dovevo andare a scuola. Giusto il tempo di incontrare qualche amico;  di gioire della vista di tante scolaresche che si guardavano intorno come fossero al Paese dei Balocchi; di stringere la mano al Presidente …

Continua a leggere →

Arrangiarsi mai più

Arrangiarsi mai più

Oggi c’è stato silenzio nella Locride. Un silenzio nero, luttuoso. Doloroso. Silenzio. Ma non si può non pensare alle motivazioni. Per una tragedia consumatasi domenica pomeriggio sulla strada “maledetta” come altre. Una strada simbolo. Simbolo delle cose calabresi fatte ad arrangiare. Basta avere la strada, poi se non è sicura… pazienza, almeno l’abbiamo! Basta avere la casa, poi se non è finita… pazienza, almeno l’abbiamo! L’arte di arrangiarsi è un’arte sì, ma votata alla sopravvivenza. …

Continua a leggere →

Leo e Leò: una telefonata

Leo e Leò: una telefonata

“Pronto, Leo?” “Pronto, sì. Leò, sei tu?” “Si, sono io. Ciao, Leo.” “Ciao, Leò. Chi fu? Dimmi tuttu.” “ Senti, Leo,  li stai lejendu i giornali? Li stai videndu i telegiornali? Vidisti che gran burdellu che sta succedendo qui in Calabria, nel reggino, con ‘sto fatto delle processiuni?” “ Ca comu, Leò? Ho letto gli scritti di tutti i grandi di penseru. Visti puru tutti ‘sti video che girano nel guebbi, con chi dice A …

Continua a leggere →

Dino principe d’Acacia

Dino principe d’Acacia

Da quando cantava The last request, il ragazzo Paolo Nutini mi era entrato nelle orecchie e,  passando per nervi acustici, solleticando i neuroni, attraversando le arterie con salti pari a quelli ischemici,  mi era arrivato dritto al cuore. Mai una delusione, sempre belli i suoi brani; lo scozzese Nutini è quello che si dice “un bravo cantautore”. Ha posto nel mio iPod con tutti e tre gli album: These Streets, Sunny Side Up e Caustic …

Continua a leggere →

L’amore del cavolo (NotOde Slow)

L’amore del cavolo (NotOde Slow)

Ho trovato un contadino fidato. Dopo la prova de La ricetta del cavolo, son tornata da lui con una richiesta specifica: “Ciao, Dino!” Oh già, qui ti danno tutti del tu e allora mi sono adeguata. Non conosco il nome del contadino e ho deciso che lo chiamerò col diminutivo, Dino.  Ho chiesto a Dino come avrei potuto fare a rendere il cavolo nero come piatto esclusivamente vegetariano, che ho qualche amicizia cui non posso …

Continua a leggere →

Abbiamo fame e sete di gentilezza

Che poi, riflettendo, a pensarci bene, dovremmo esser contenti. Ci lamentiamo in continuazione delle scortesie, dell’aggressività, della mancanza di galateo e di stile che regnano sovrani dappertutto, e soprattutto in politica. Non vediamo e non sentiamo altro che maledizioni, improperi, parolacce, bestemmie e malanove. Mentre desideriamo toni pacati, distesi, persone calme, in virtù di forza. E allora? Allora, in questo neogoverno,  avremmo potuto avere un neosottosegretario Scorbutico, oppure un Collerico, il signor Iracondo, persino il …

Continua a leggere →