24 articles Tag mara rechichi

Ufficio Oggetti Smarriti U.O.S. zero

Ufficio Oggetti Smarriti U.O.S. zero

Qualche giorno fa, prima di entrare nel vero periodo estivo, vi avevo suggerito lo State notevoli! Vi avevo detto che “vi avrei fatto sapere”, come si fa nei migliori casting di personaggi, interpreti, idee e manifestazioni d’interesse. Ecco, dopo riflessione dettata dal vissuto di questi giorni, sono giunta alla conclusione che la rubrica di questa estate debba essere legata a qualcosa (che sia un oggetto, che sia un modo di dire, che sia un modo …

Continua a leggere →

Buona Pasqua

Buona Pasqua

Ognuno sta solo sul proprio venerdì santo, nascosto da una pietra sepolcrale.Ed è subito Pasqua.* Mara Rechichi *(mia libera interpretazione del Quasimodo nazionale)  

Continua a leggere →

Dino al peperoncino

Dino al peperoncino

Questa “ragazza” milanese l’avevo sempre intravista nei suoi passaggi televisivi sanremesi, l’avevo sempre intrasentita (si può dire?) nei suoi passaggi radiofonici. “Si, carina, orecchiabile” mi dicevo, e però passavo oltre, non riuscivo mai a soffermarmi ad ascoltarla nel vero senso dell’ascolto. Poi arrivò un film al cinema, uno di quelli di Paolo Virzì e, da allora, la sua voce mi è diventata preziosa, dalle note reinterpretate de La prima cosa bella. Poi, quest’anno, di nuovo …

Continua a leggere →

Gianni Carteri e questo blog

Gianni Carteri e questo blog

Ho incontrato Gianni Carteri tra le pagine di qualche libro. Soprattutto nella prefazione di “Cesare è nudo”, di Emanuela Vartolo. Raramente l’ho incontrato fisicamente, complice la mia lontananza dalla Calabria. E l’ho incontrato qui, su questo blog, tra i commenti a qualche articolo. Ci siamo scritti tante volte, con la promessa di scriverci anche per mail. Ma, per uno scherzo del destino, non ci siamo mai più “rivisti”. Cosa ci siamo detti? Potete leggerlo da …

Continua a leggere →

Ridatemi il benzinaio

Ridatemi il benzinaio

Si, lo rivoglio! Rivoglio quel bell’ometto simpatico che con serafica pazienza ti aspettava e quando vedeva accendersi la freccia nella sua direzione andava a posizionarsi accanto alla pompa, si impalava lì fino a quando tu frenavi e arrestavi la tua marcia in direzione del tuo tipo di carburante. Tu spegnevi il motore, tiravi via le chiavi dal quadro di accensione ed attendevi che dal finestrino giungesse quel soave: “Buongiorno, signora, quanto le metto?” profumato di …

Continua a leggere →

Ho fatto un SalTo15 e son tornata (parte seconda)

Ho fatto un SalTo15 e son tornata (parte seconda)

Dove eravamo rimasti? Ma si, alla Curenta delle Valli del Monviso. Insomma, Dopo aver ballicchiato con le mani e degustato una birra artigianale, abbiamo ripreso il nostro giro e, mentre ci aggiravamo nel corridoio tra Feltrinelli e Mondadori, chi ti vediamo passare? Loro! Come farseli sfuggire? Eppure non osavamo fermarli, nè io nè Rosilde. Ci ha invece pensato una giovane che era in compagnia di suo padre, ha chiesto loro di fare una foto e …

Continua a leggere →

Ho fatto un Salto15 e son tornata (prima parte)

Ho fatto un Salto15 e son tornata (prima parte)

E così, anche quest’anno, il Salone è finito. La foto qui sopra è sfocata, come se anche l’occhio del fotocamera fosse velato da lieve tristezza. È stato un Salone molto intenso, molto interessante, con bilanci positivi in ogni ambito. Dal numero di visitatori ai dati di vendita, tutte le percentuali sono risultate in crescita. Contenti sicuramente gli organizzatori, contenta anche io che ho vissuto il mio più bel Salone di tutti i tempi, fino ad …

Continua a leggere →

Al Museo del giocattolo di Bra

Al Museo del giocattolo di Bra

Ho giocato in un tempo che fu oggi gioco ancor di più. Bambole, treni e macchinine gioco poi con le manine. Suono adesso il mio kazoo e il salterello va su e giù. Un bel Grazie! al Museo di Bra dove il giocattolo sempre vivrà. (messaggio che ho lasciato sul Guest Book del Museo del Giocattolo di Bra, CN)

Continua a leggere →