La Calabria è quella cosa che (1/2022)

La Calabria è quella cosa che ti può far acquistare al supermercato, o in farmacia o in parafarmacia o in enoteca e prodotti tipici, un test di Calabresità da effettuarsi in auto-somministrazione con conseguente auto-proclamazione. L’hanno inventato alla Merica e si chiama Self Calabresity for Self Proclamèscion.

Continua a leggere →

Il paesaggio sonoro dei treni

Il paesaggio sonoro dei treni

Il paesaggio sonoro dei treni a lunga percorrenza è un intreccio di love, business, family affairs in modalità “What’s privacy?” Stipati in un moderno open space, l’unico spazio senza confini e senza frontiere, nessuno interagisce ma tutti parlano. Probabilmente, ognuno costruisce attorno a se stesso un’invisibile cabina telefonica dove potersi chiudere a dialogare serenamente, a 70 db, di amore, affari, picci familiari e ciuciulìi vari. È l’open space, bellezza! Signora parla al telefono con interlocutrice …

Continua a leggere →

Chi mi dice come

Chi mi dice come

Da una settimana, e ogni giorno sempre più, ci sono alcune domande che mi martellano nella testa.Dalla mattina del 24 febbraio, guardo, ascolto, mi guardo, mi ascolto.Poi mi dico, anzi mi ripeto: Ma la pandemia non avrebbe dovuto farci diventare migliori, non eravamo tutti ansiosi di entrare nella nuova normalità, nella migliore normalità? Non eravamo tutti “positivi” nel ripeterci il mantra Andrà tutto bene? Invece abbiamo assistito ad una escalation di aggressività, violenze verbali, violenze …

Continua a leggere →

Conchiglie sul comodino. Diario per un libro

Conchiglie sul comodino. Diario per un libro

5 ottobre 2021 Questo libro sta sul mio comodino da mesi. E non perché non abbia voglia di leggerlo ma perché non ho voglia di finirlo. Leggo, vado avanti e poi torno indietro. Maria Franco dice di aver “scritto un piccolo memoir”, io dico che ha dipinto alcuni miei ricordi d’infanzia e di maturità; episodi, tradizioni, personaggi che in modo diverso ho vissuto anch’io. Abbiamo alcune cose in comune, Maria e io: entrambe insegnanti, entrambe …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che 22.04.21

La Calabria è quella cosa che 22.04.21

La Calabria è quella cosa che dopo anni in cui abbiamo cercato di urlare al mondo che la Montagna può apparire aspra ma è buona; mentre veniva portata sulle bocche di tutti con disprezzo; mentre veniva mostrata con scherno su giornali e televisioni; mentre anche noi la nominavamo con un certo senso di vergogna; mentre ne raccontavamo le bellezze delle faggete, gli intrighi di felci e abeti, i colori indefinibili dall’alba sullo Jonio al tramonto …

Continua a leggere →

Natalino, un libro di Caterina Malara

Natalino, un libro di Caterina Malara

Andate dal vostro “spacciatore” di libri e chiedetegli Natalino di Caterina Malara, edito da Guida Edizioni.  Poi vi prendete un po’ di tempo per voi e iniziate a leggerlo. Dopo poche pagine vi sentirete catapultati in una dimensione particolare, stra-ordinaria e deciderete di centellinarlo per gustare ogni frase, ogni espressione, ogni scena, ogni soggetto, ogni oggetto, ogni situazione, fino alla fine. In Natalino non troviamo soltanto la storia di quest’uomo, ma troviamo la comunanza con …

Continua a leggere →

Grazie, altrettanto!

Addì, 8 marzo 2021. Aeroporto di Lamezia Terme. Devo rientrare a Torino dopo tre giorni trascorsi in famiglia, presso la mia residenza. Primo pit stop: ingresso. Presa visione della carta d’imbarco, misurazione della temperatura e controllo mascherina. Tutto a posto, posso procedere. La voce dell’operatore: “Prego, Signora, Auguri!”  “Grazie, altrettanto!” Secondo pit stop: posto di polizia. Compilo l’autocertificazione con tutti i dati richiesti, compresi luogo di residenza, di domicilio, motivo dello spostamento con indicazione del …

Continua a leggere →

VentiVentuno

VentiVentuno

2020 VentiVenti: un anno statico anche nel nome. Fermo, senza riuscire ad andare avanti. VentiVenti. Fisso e ripetitivo. Per salutare definitivamente il 2020 vorrei mostrarvi la mia agenda.Vorrei dirvi, mese per mese, quali sono state le parole scritte su di essa che per me hanno segnato questo anno che se ne va. Gennaio: Londra. “Andiamo a Londra, c’è il Bett Show, il salone internazionale delle tecnologie per la didattica. Arriviamo a Londra il 23 gennaio e …

Continua a leggere →