23 articoli Articoli pubblicati in Dino Conta

Dino non si tocca!

Dino non si tocca!

Qualcuno vorrebbe mettere il seme della zizzania tra me e Dino. Ma Dino non si tocca! Giammai!

Continua a leggere →

Dino spingule e cerase

Dino spingule e cerase

Dev’essere cambiata la stagione senza mandarci avvisi, a nostra insaputa. Di sicuro! Altrimenti, come lo spieghereste voi che da un giorno all’altro sui banconi del mercato sono apparsi costumi da bagno, ciabattine, copricostumi, kaftani, parei, microtop? E vestitini per il mare, quelli che mia mamma chiama ancora prendisole, come se per prendere il sole ci si debba vestire invece che spogliarsi. Cioè, un prendisole ti lascia scoperte solo la parte alta del dorso, davanti e …

Continua a leggere →

Dino principe d’Acacia

Dino principe d’Acacia

Da quando cantava The last request, il ragazzo Paolo Nutini mi era entrato nelle orecchie e,  passando per nervi acustici, solleticando i neuroni, attraversando le arterie con salti pari a quelli ischemici,  mi era arrivato dritto al cuore. Mai una delusione, sempre belli i suoi brani; lo scozzese Nutini è quello che si dice “un bravo cantautore”. Ha posto nel mio iPod con tutti e tre gli album: These Streets, Sunny Side Up e Caustic …

Continua a leggere →

Dino poeta di lillà

Dino poeta di lillà

Come la donzelletta vien dalla campagna, così Dino fa il giovinotto che vien dall’orto ed il sabato, puntuale, arriva al mercato del quartiere per vendere i propri prodotti della terra. Non ha un banco normale, Dino, no. Il suo è un banco speciale, uno di quelli che si vedono nelle riviste di viaggi, quelle foto che son fatte apposta per attirare più gente possibile, per far crescere la voglia di visitare quei luoghi. Il banco …

Continua a leggere →

Il broccolo di Dino meritevole di Monumento

Il broccolo di Dino meritevole di Monumento

Da una settimana le mie giornate non trascorrono più come prima, Qualcosa è cambiato. Volete sapere cosa? La musica nel mio iPhone. Da una settimana ha scalato la hit un nuovo album. E’ arrivato e ha mandato giù gli altri: giù Bollani-Grandi, giù Baustelle, giù pure Guccini, giù perfino Cannonbal Adderley. E su, fino in cima il mio straordinario conterraneo, Peppe Voltarelli con il suo ultimo lavoro “Lamentarsi come ipotesi”. Sabato scorso sono andata a …

Continua a leggere →

L’amore del cavolo (NotOde Slow)

L’amore del cavolo (NotOde Slow)

Ho trovato un contadino fidato. Dopo la prova de La ricetta del cavolo, son tornata da lui con una richiesta specifica: “Ciao, Dino!” Oh già, qui ti danno tutti del tu e allora mi sono adeguata. Non conosco il nome del contadino e ho deciso che lo chiamerò col diminutivo, Dino.  Ho chiesto a Dino come avrei potuto fare a rendere il cavolo nero come piatto esclusivamente vegetariano, che ho qualche amicizia cui non posso …

Continua a leggere →

La ricetta del cavolo

La ricetta del cavolo

Dunque… Prima di tutto bisogna andare alla ricerca del cavolo nero. Il che è tutto dire: non è che puoi fidarti del primo contadino che incontri… Una volta trovato il contadino giusto, porti a casa il cavolo (se ne vale la pena, ti porti a casa pure il contadino, così ti da la ricetta giusta, magari) e gli fai una bella doccia, chè le foglie sono ruvide e trattengono la terra. Ah, il cavolo nero …

Continua a leggere →