389 articoli Articoli pubblicati in Note

Conchiglie sul comodino. Diario per un libro

Conchiglie sul comodino. Diario per un libro

5 ottobre 2021 Questo libro sta sul mio comodino da mesi. E non perché non abbia voglia di leggerlo ma perché non ho voglia di finirlo. Leggo, vado avanti e poi torno indietro. Maria Franco dice di aver “scritto un piccolo memoir”, io dico che ha dipinto alcuni miei ricordi d’infanzia e di maturità; episodi, tradizioni, personaggi che in modo diverso ho vissuto anch’io. Abbiamo alcune cose in comune, Maria e io: entrambe insegnanti, entrambe …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che 22.04.21

La Calabria è quella cosa che 22.04.21

La Calabria è quella cosa che dopo anni in cui abbiamo cercato di urlare al mondo che la Montagna può apparire aspra ma è buona; mentre veniva portata sulle bocche di tutti con disprezzo; mentre veniva mostrata con scherno su giornali e televisioni; mentre anche noi la nominavamo con un certo senso di vergogna; mentre ne raccontavamo le bellezze delle faggete, gli intrighi di felci e abeti, i colori indefinibili dall’alba sullo Jonio al tramonto …

Continua a leggere →

Natalino, un libro di Caterina Malara

Natalino, un libro di Caterina Malara

Andate dal vostro “spacciatore” di libri e chiedetegli Natalino di Caterina Malara, edito da Guida Edizioni.  Poi vi prendete un po’ di tempo per voi e iniziate a leggerlo. Dopo poche pagine vi sentirete catapultati in una dimensione particolare, stra-ordinaria e deciderete di centellinarlo per gustare ogni frase, ogni espressione, ogni scena, ogni soggetto, ogni oggetto, ogni situazione, fino alla fine. In Natalino non troviamo soltanto la storia di quest’uomo, ma troviamo la comunanza con …

Continua a leggere →

Grazie, altrettanto!

Addì, 8 marzo 2021. Aeroporto di Lamezia Terme. Devo rientrare a Torino dopo tre giorni trascorsi in famiglia, presso la mia residenza. Primo pit stop: ingresso. Presa visione della carta d’imbarco, misurazione della temperatura e controllo mascherina. Tutto a posto, posso procedere. La voce dell’operatore: “Prego, Signora, Auguri!”  “Grazie, altrettanto!” Secondo pit stop: posto di polizia. Compilo l’autocertificazione con tutti i dati richiesti, compresi luogo di residenza, di domicilio, motivo dello spostamento con indicazione del …

Continua a leggere →

VentiVentuno

VentiVentuno

2020 VentiVenti: un anno statico anche nel nome. Fermo, senza riuscire ad andare avanti. VentiVenti. Fisso e ripetitivo. Per salutare definitivamente il 2020 vorrei mostrarvi la mia agenda.Vorrei dirvi, mese per mese, quali sono state le parole scritte su di essa che per me hanno segnato questo anno che se ne va. Gennaio: Londra. “Andiamo a Londra, c’è il Bett Show, il salone internazionale delle tecnologie per la didattica. Arriviamo a Londra il 23 gennaio e …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che 20.12.20

La Calabria è quella cosa che 20.12.20

La Calabria è quella cosa che in un pomeriggio di domenica, appena prima che si scateni un temporale e sull’avvicinarsi del solstizio d’inverno, a Locri apre le braccia, gli armadi, le dispense e corre incontro al fratello venuto da lontano vestito di sola speranza e di un’età compresa tra pochi anni e un po’ di maturità, cibato di brezza marina digerita come anelito di vita. Perchè la Calabria è matrigna con la Calabria ma sa …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che 2020 (4)

La Calabria è quella cosa che 2020 (4)

La Calabria è quella cosa che ogni giorno alla stessa ora, sotto la luce del sole, ripete come mantra le frasi “abbiamo attivato sinergie”, “se ne è discusso con.. a…”, “nasce dalla collaborazione di…”, “porterà lo sviluppo”, “grazie all’accordo di programma”, “il nuovo consorzio dovrebbe”, “la cerimonia di premiazione”, “se ne è parlato nel convegno”, “è stato istituito un tavolo di lavoro per”, e altre frasi simili; poi, sotto la luce della luna, pur ruminando …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che 2020 (3)

La Calabria è quella cosa che 2020 (3)

La Calabria è quella cosa che al primo di agosto ti canta “Augustu e rigustu è capu di ‘mbernu” per ricordarti che iniziano le vere vacanze, arrivano i turisti, rientrano gli oriundi, ma inizia la fine dell’estate e devi già pensare all’inverno; allora fioriscono gli imperativi dei lavori casalingortolani: raccogli i pomodori dall’orto e fanne salsa di pomodoro, raccogli melanzane, zucchine, peperoni, pomodori verdi e fanne sottaceti, appena vedi spuntare un fungo prendilo e mettilo …

Continua a leggere →