10 articoli Articoli pubblicati in Maestra Mara

Benvenuto, Fiorbetto!

Benvenuto, Fiorbetto!

La prima settimana è passata. Già volata via! Tempo pieno già dal secondo giorno, con annessa mensa. E intervalli in cortile, che il caldo di Torino è caldo serio e non basterebbero tutti i torét messi insieme a formare un piccolo mare dove trovare riparo. Al pomeriggio il sole irradia i suoi cocenti raggi direttamente dentro la nostra aula e quello che possiamo fare è aprire le finestre con sistema Vasistas e abbassare le veneziane. Così la …

Continua a leggere →

Primo giorno di scuola, da decreti delegati

Primo giorno di scuola, da decreti delegati

E’ andato. Il primo giorno di scuola è andato. 8.30, puntuali. I bimbi son tornati, nuovi nuovi. Ci siamo ri-accolti reciprocamente, ci siamo scambiati saluti, abbracci, brevi racconti dell’estate. Poi una fiaba “I piccoli fiori della felicità”, raccontata dalla mia Collega che insegna italiano, riflessioni e disegni. Infine,  attività di origami geometrico-matematico affichè ognuno desse vita al proprio fiore della felicità che abbiamo “piantato” sui davanzali dell’aula. 12.30 campanella del primo giorno, si esce. Da domani, …

Continua a leggere →

Si riparte con la seconda

Si riparte con la seconda

“Focumeu!” – disse la maestra – “Domani ricomincia la scuola! Sono pronta?” C’è un’ansia particolare che precede il primo giorno di scuola. La provano gli studenti, la provano gli insegnanti. Quella degli studenti è legata un po’ anche a quello dei genitori, non dimentichiamo che anche questi provano ansia. Anzi, forse sono quelli che più di tutti pensano ai giorni che verranno come giorni faticosi, incerti, deboli dell’esperienza che han fatto ai tempi loro, che …

Continua a leggere →

Nulla per scontato

Nulla per scontato

Questo cielo di Torino va a chiudere il mio primo giorno di scuola del nuovo anno. Sembrerebbe un cielo scontato, in fondo ogni giorno abbiamo un’alba ed un tramonto. Ma mai, nessuna alba è uguale ad un’altra alba e mai nessun tramonto è uguale ad un altro tramonto. E’ per questo che si ripetono. Mai dare per scontato alba e tramonto. Stamattina ho iniziato la giornata con il messaggio di Alessandro D’Avenia sul Corriere della …

Continua a leggere →

Ho i bimbi di prima che sono i bimbi di adesso

Quest’anno ho ricominciato da capo. Avendo avuto l’anno scorso, una classe quinta quest’anno m’è toccata la prima. Ho lasciato i ragazzi di quinta per avere i bimbi di prima. I bimbi di prima non sono i bimbi di “prima”, sono i bimbi di “adesso”. Sono i bimbi che ogni giorno ti fanno scoprire qualcosa. Per esempio, oggi. Durante l’intervallo del dopo pranzo, Bambina ha deciso che non doveva giocare con i compagni ma che doveva …

Continua a leggere →

M’è morto IL Preside

M’è morto IL Preside

M’è morto IL Preside. Ho da poco appreso, tramite Facebook, che m’è morto il preside Rizzo, il mio preside del Liceo Classico, il preside del mio Liceo Classico. Pare che la famiglia non abbia voluto rendere pubblico l’evento luttuoso e ne abbia dato notizia a Jonio calmo. Ma i social sono un mare in tempesta e le notizie volano, surfano sulle onde, si infrangono sulla riva e bagnano tutto. Non posso fare a meno di …

Continua a leggere →

Una nuova parola

Ho un nuovo vocabolo, un nuovo aggettivo. Lo ha inventato una mia alunna volendo dare una descrizione qualitativa al Villaggio di Babbo Natale di Torino. Conservo questa parola per giovedì. E poi vi svelerò perchè.

Continua a leggere →

Eureka, funziona! Così nella mia scuola

Si chiude oggi, 26 novembre, il secondo Festival dell’Educazione organizzato dalla Città di Torino. Ho avuto il piacere e l’onore di portare il contributo della mia scuola, l’Istituto Comprensivo “Niccolò Tommaseo” di Torino, al workshop su Eureka, funziona!, un progetto di Federmeccanica per le scuole. Insieme a Maria Carla Rizzolo, responsabile dei Centri di Cultura per il Gioco del comune di Torino, e Monica Pignatelli di Skillab, Centro valorizzazione Risorse Umane, abbiamo raccontato al pubblico …

Continua a leggere →