La Calabria è quella cosa che (Trentaquattro)

La Calabria è quella cosa che sulle strade del 2019, accanto ad automobili grandi, sfreccianti, potenti, eleganti, tecnologiche, del calibro di Maserati, Mercedes, Audi, Chrisler, Porsche, e forse anche Tesla, ti fa incontrare la regina incontrastata di sempre, quella che è rimasta così come l’avevano creata alla prima produzione negli anni “80, la scatoletta tuttofare modello 30 o 45, di vari colori, quella che ti si para davanti e non si sposta, ti sbuca da …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Trentatré)

La Calabria è quella cosa che sente la fine dell’estate ancor prima della fine dell’estate, quando improvvisamente al lunedì dopo l’ultima domenica d’agosto ti risvegli nel silenzio mattutino: niente più bambini dei vicini che urlano perché vogliono andare al mare, niente più traffico affannoso per andare a fare la spesa per accaparrarsi i pesci  e le verdure migliori, niente più rumori di pulizie mattutine prima che si sveglino tutti; e quando esci e quel silenzio …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Trentadue)

 La Calabria è quella cosa che sovverte la matematica ed il valore dei numeri diventa oggetto di ermeneutica pitagorica, quando, per esempio, si applicano teoremi quasi magici che fanno leggere nel riquadro “Netto a pagare” la cifra 1.000,00 ma un datore di lavoro la interpreta come 500,00 e si presenta davanti al giovane di turno con 5 bigliettoni in luogo di 10, facendo sparire i 5 restanti che, ancora magicamente, riappariranno nel riquadro “Reddito netto …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Trentuno)

La Calabria è quella cosa che  ti vede sempre sciupato, al limite dell’avitaminosi; sussurra alle madri consigli per scongiurare il pericolo di diventare mancupati* e loro rispondono con un motto imperativo recitato all’unisono in coro: “mangia, mangia!”; che tu puoi aver mangiato una pentola intera di pasta di casa, un maiale in tutte le versioni possibili,  crespelle, pittelluzze di neonata, di fiori di zucca, di melanzane,  patate ‘mpacchiuse, parmigiana di melanzane o di zucchine…, uno …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Trenta)

La Calabria è quella cosa che alle otto della sera del 22 agosto ti siede sulla battigia del mare dei Bronzi e ti pone davanti l’immenso del mare che si confonde col cielo, senza confine visibile, ti fa ascoltare il rusciu delle onde, le voci dei ragazzi che ancora fanno giochi in acqua, una dolce musica soul che viene da un locale vicino; in un attimo pensi che tra nove giorni sarà ora di ripartire …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventinove)

La Calabria è quella cosa che nel bel mezzo del mese di agosto, quando gli ultimi respiri di ferie ti richiamano a rimanere in spiaggia fino a tarda sera nel tentativo di far riserva di “ossigeno” utile a superare l’inverno, ti apre una scuola sull’estrema punta dello Stivale, non per fare un progetto ma per farsi essa stessa progetto; si apre al territorio e collabora alla realizzazione di “Pellaro libri estate”*,  un capolavoro di diffusione …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventotto)

La Calabria è quella cosa che oggi sta col fiato sospeso a sentire cosa accade al Governo centrale, che, anche se in molti ancora non lo sanno pur avendo dato da qui il nome al Paese, la Calabria è Italia. #sullorlodiunacrisi

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventisette)

La Calabria è quella cosa che ti dà uno o più nomi di battesimo come eredità e rispetto di padri e madri, sorelle e fratelli, cugini, avi illustri, compari e comari, che si può spaziare tra Francesco, Rocco, Giuseppe, Antonio,  Consolata, Umile, Leo, Sebastiano, Assunta, Carmela, ma anche Kevin, Chanel, Emily, Jonathan; ti dà un cognome, rigorosamente quello del padre; e automaticamente ti affibbia un soprannome geneticamente predeterminato, che prima è stato di tuo nonno, …

Continua a leggere →