La Calabria è quella cosa che (Trenta)

La Calabria è quella cosa che alle otto della sera del 22 agosto ti siede sulla battigia del mare dei Bronzi e ti pone davanti l’immenso del mare che si confonde col cielo, senza confine visibile, ti fa ascoltare il rusciu delle onde, le voci dei ragazzi che ancora fanno giochi in acqua, una dolce musica soul che viene da un locale vicino; in un attimo pensi che tra nove giorni sarà ora di ripartire …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventinove)

La Calabria è quella cosa che nel bel mezzo del mese di agosto, quando gli ultimi respiri di ferie ti richiamano a rimanere in spiaggia fino a tarda sera nel tentativo di far riserva di “ossigeno” utile a superare l’inverno, ti apre una scuola sull’estrema punta dello Stivale, non per fare un progetto ma per farsi essa stessa progetto; si apre al territorio e collabora alla realizzazione di “Pellaro libri estate”*,  un capolavoro di diffusione …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventotto)

La Calabria è quella cosa che oggi sta col fiato sospeso a sentire cosa accade al Governo centrale, che, anche se in molti ancora non lo sanno pur avendo dato da qui il nome al Paese, la Calabria è Italia. #sullorlodiunacrisi

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventisette)

La Calabria è quella cosa che ti dà uno o più nomi di battesimo come eredità e rispetto di padri e madri, sorelle e fratelli, cugini, avi illustri, compari e comari, che si può spaziare tra Francesco, Rocco, Giuseppe, Antonio,  Consolata, Umile, Leo, Sebastiano, Assunta, Carmela, ma anche Kevin, Chanel, Emily, Jonathan; ti dà un cognome, rigorosamente quello del padre; e automaticamente ti affibbia un soprannome geneticamente predeterminato, che prima è stato di tuo nonno, …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventisei)

La Calabria è quella cosa che ti ammalia di colori azzurromare, giallocampi, verdechiarocolline, verdescuroboschi, rosaalbe, rossotramonti; ti stordisce di profumi di salsedine fin dentro le case, di origano, di brughiera, di pini, di resina, di finocchio selvatico, di sambuco che si insinuano nelle narici e vanno su a rilasciare endorfine che ti rilassano il viso e ti accendono un beato sorriso; fino a quando mani criminali non giungono ad accendere il rosoofuoco nelle già roventi …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Venticinque)

La Calabria è quella cosa che ti affitta una casetta al mare in cambio di pepite d’oro, ti mette dentro gli arredi della guerra, pure il materasso su cui dovresti riposare le membra dal lungo inverno lavorativo è fatto ancora di coppe di granturco, e non vuole ancora capire che con una piccola pepita d’oro spesa all’Ikea potrebbe far splendere un gallinaro mettendo dentro la borsa del turismo un letto di ferro, due stipetti e …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventiquattro)

La Calabria è quella cosa che al 16 di agosto dovrebbe essere sfinita dai bagordi ferragostani, invece è pronta in pista a ripartire con balli e canti per San Rocco che oggi si venera in tutta la Calabria e fuori dalla Calabria,  in ogni pizzo di mundo dove ci sono calabresi; perché è vero che Tarantella bla bla, ma anche Rock fa la sua parte. #ballorock

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che (Ventitré)

La Calabria è quella cosa che a Ferragosto non ti dice Auguri, non si usa; però comincia a celebrare l’antivigilia, giorno 13, chiudendosi in cucina a impanare cotolette, tagliare a pezzi pipi e patate, tagliare a fette melanzane, spezzare pomodori da sugo, impastare pasta di casa, sfilettare fiori di zucchine, scegliere i salumi e i formaggi dalle cantine; poi continua a festeggiare la vigilia, giorno 14, creando una grande cappa di fritto grande quanto tutta …

Continua a leggere →