La Calabria è quella cosa che 2020 (4)

La Calabria è quella cosa che 2020 (4)

La Calabria è quella cosa che ogni giorno alla stessa ora, sotto la luce del sole, ripete come mantra le frasi “abbiamo attivato sinergie”, “se ne è discusso con.. a…”, “nasce dalla collaborazione di…”, “porterà lo sviluppo”, “grazie all’accordo di programma”, “il nuovo consorzio dovrebbe”, “la cerimonia di premiazione”, “se ne è parlato nel convegno”, “è stato istituito un tavolo di lavoro per”, e altre frasi simili; poi, sotto la luce della luna, pur ruminando …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che 2020 (3)

La Calabria è quella cosa che 2020 (3)

La Calabria è quella cosa che al primo di agosto ti canta “Augustu e rigustu è capu di ‘mbernu” per ricordarti che iniziano le vere vacanze, arrivano i turisti, rientrano gli oriundi, ma inizia la fine dell’estate e devi già pensare all’inverno; allora fioriscono gli imperativi dei lavori casalingortolani: raccogli i pomodori dall’orto e fanne salsa di pomodoro, raccogli melanzane, zucchine, peperoni, pomodori verdi e fanne sottaceti, appena vedi spuntare un fungo prendilo e mettilo …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che 2020 (2)

La Calabria è quella cosa che 2020 (2)

La Calabria è quella cosa che sa perfettamente che potrebbe vivere di turismo, con i suoi oltre 700 km di coste (Voglio l’aria di mare), con l’Appennino spina dorsale ( Il sole sulla faccia) dal Pollino all’Aspromonte passando per Sila e Serre (Tornerò a cantare sotto il suo balcone quando lei si affaccia), con i sentieri da percorrere a piedi partendo dal mare salendo in montagna ri-scendendo al mare tra una gola, un lago ed …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che 2020 (1)

La Calabria è quella cosa che 2020 (1)

La Calabria è quella cosa che al 25 di luglio ti prende col sole cocente del mattino di un sabato di ferie, ti porta in cucina a friggere du’ pipi patate e melanzane, du’ piscicelli piscati frischi frischi,  ti fa correre sotto la seconda doccia fredda della giornata,  ti fa pranzare con tutta la famiglia, poi ti sviene sul letto che lotta tra il caldo  rovente dell’aria e il fresco artificiale del condizionatore, ti fa alzare e ancora …

Continua a leggere →

La Calabria è quella cosa che 2020 (0)

La Calabria è quella cosa che 2020 (0)

È il mio primo giorno di ferie e sto “rotolando verso sud” in treno. Stavo pensando se quest’estate sia meglio riprendere “La Calabria è quella cosa che” oppure creare una nuova rubrica, quando ho aperto Facebook e… Ho dedicato qualche minuto a seguire la diretta da Locri della ministra Azzolina che stamane firma un protocollo d’intesa che prevede che gli studenti possano fare dei campi di lavoro nei terreni confiscati alla mafia.Con lei, Il senatore …

Continua a leggere →

Alunni d’Italia – CoviDiario

Siamo nei giorni in cui finisce la scuola. E’ strano dire o sentir dire “finisce la scuola” per una scuola che non c’era, per come l’abbiamo sempre conosciuta. Una scuola che è stata tenuta in vita da tutti gli insegnanti, ognuno per come ha potuto, al massimo dell’impegno e dell’abnegazione. Dietro uno schermo, sì, ma con la passione di sempre, anzi di più! No, non eravamo preparati. Nessuno lo era, neanche i primi della classe. …

Continua a leggere →

Sereno poco nuvoloso – CoviDiario

    Da quando è cominciata questa emergenza, passiamo gran parte del nostro tempo a contare. Siamo diventati bravissimi! Le occasioni ci vengono date dal numero dei Decreti, dal numero delle Ordinanze, dal numero di Modelli di Autocertificazioni. All’esame di matematica avremo tutti un bel voto. Poi, stiamo esercitando anche le capacità ermeneutiche, di interpretazione delle fisolofie che sottendono alle scelte governative (nazionali, regionali, comunali), ma qui ci vorrà più tempo, non tutti siamo pronti …

Continua a leggere →

A casa propria – CoviDiario

Sul rientro dei giovani (e meno giovani) calabresi rimasti bloccati fuori dalla Calabria. Ci sono considerazioni che pochi facciamo e che provo a riassumere. 1- Perchè gli italiani rimasti bloccati all’estero vengono rimpatriati dalla Farnesina e riportati nelle “loro case” mentre i calabresi bloccati fuori regione non possono tornare nelle “loro case”? 2- Chi lavora fuori dalla Calabria e mantiene la residenza in Calabria, “casa propria” ogni mese, per 9 mesi all’anno (se rateizzato, lavoratore …

Continua a leggere →