Che rumore fa la felicità

Che rumore fa la felicità

Ci risiamo! Un’altra levata di scudi da parte di molte donne indignate perchè qualcuno ha, di nuovo, intaccato la donna con stereotipi antichi che la vogliono ancora chiusa tra quattro mura domestiche. Stavolta tocca all’azienda produttrice di gioielli “Pandora”. Il pubblicitario di Pandora si sarebbe macchiato di vilipendio della donna attraverso un megamanifesto pubblicitario con chiaro intento stimolante al consumismo natalizio. Il manifesto incriminato lo vedete in foto, recita: UN FERRO DA STIRO, UN PIGIAMA, …

Continua a leggere →

Ventinove chicchi di risotto

Ventinove chicchi di risotto

Guardate: cosa c’è nel piatto? Probabili risposte: l’assaggio durante la cottura; quel che resta di un risotto con la zucca; ventisette chicchi di riso, o forse ventotto; magari ventinove. Niente di tutto questo. Anzi, qualcosa di tutto questo.  Sì, ho cucinato un risotto con la zucca piacentina e, vi rassicuro subito, ne ho mangiato un piatto pieno. Però, al momento di impiattare ho voluto fare un esperimento: stupire i commensali, presentando i piatti così, come …

Continua a leggere →

Ho i bimbi di prima che sono i bimbi di adesso

Quest’anno ho ricominciato da capo. Avendo avuto l’anno scorso, una classe quinta quest’anno m’è toccata la prima. Ho lasciato i ragazzi di quinta per avere i bimbi di prima. I bimbi di prima non sono i bimbi di “prima”, sono i bimbi di “adesso”. Sono i bimbi che ogni giorno ti fanno scoprire qualcosa. Per esempio, oggi. Durante l’intervallo del dopo pranzo, Bambina ha deciso che non doveva giocare con i compagni ma che doveva …

Continua a leggere →

La ricetta dell’immensità

La ricetta dell’immensità

Stavo in piedi, stamattina, nella piazza di Gioiosa Jonica davanti al Complesso Bandistico Città di Gioia del Colle; raccolta in silenzio ascoltavo le note de Il pescatore di perle di Bizet. Stavo lì perché se ci fosse stato mio padre, saremmo stati lì; perché lui adorava le bande. E proprio mentre veniva eseguita l’aria più triste, mi giungeva la triste notizia della dipartita del fondatore dell’Orchestra giovanile di fiati di Delianuova, la mia preferita, la …

Continua a leggere →

Alla ricerca di una stella polare

Il 16 maggio, a Bergamo, ho partecipato al meeting nazionale “Verso gli Stati Generali della Scuola Digitale“: due sessioni plenarie, mattutina e pomeridiana e 14 tavoli di discussione. Il documento finale sarà presentato al MIUR il prossimo 6 luglio. Nel frattempo,  con Cristina Bralia, collega di Varese (insieme abbiamo condotto il tavolo di lavoro n. 4 “Il digitale a scuola: è un’attività “altra” rispetto alla didattica giornaliera o è divenuta strutturale?” , lei nel ruolo di …

Continua a leggere →

Caproni sconosciuto?

Caproni sconosciuto?

Giorgio Caproni, chi era costui?In tanti stamattina si son sentiti come Don Abbondio, nel momento in cui hanno letto le tracce dei compiti d’italiano dell’esame di maturità. Certo, i Livornesi lo sanno bene chi è Caproni. Io non l’ho studiato a scuola, non era contemplato nel programma di letteratura del Liceo. Però l’ho conosciuto qualche anno fa, grazie al cortometraggio “Il cappotto di lana”, regia di Luca Dal Canto, soggetto e sceneggiatura di Anita Galvano, attore …

Continua a leggere →

Un mistero

Un mistero

Gli uomini sono un mistero. Siamo d’accordo, lo so; lo pensiamo in tante, poiché non è facile capire cosa essi, realmente, desiderino costruire con noi donne: castelli, palafitte, grotte di tufo, grattacieli, baracche, villette a schiera? Mistero. La cui rivelazione potrà avvenire solo dopo che la costruzione sarà completata e avrà superato i collaudi tecnici; fino all’eventuale crollo. E, di nuovo, sarà mistero. Sono un mistero gli uomini. Lo so che siete d’accordo con me. …

Continua a leggere →

Su la maschera!

Su la maschera!

Cantantessa o ballerina folk? No, mai. Contadinella? Forse una volta sola. Damina del ’600? Io no, forse mia sorella. Colombina? Uhm, non ricordo. Amazzone? Sì, una volta. (Chiedere a mia mamma). Hawayana? Sì, ma meglio dimenticare. Cow Girl? Sì, non so perchè. Crudelia Demon? Sì, e resta nella storia: con al seguito il mio cucciolo maschio vestito da cagnolino de La carica dei 101. Fatina? Oddio, sì e c’è anche traccia da qualche parte. E’ …

Continua a leggere →