UOS due

UOS due

Torno all’Ufficio Oggetti Smarriti dopo due settimane. Stavolta non porto qualcosa, porto qualcuno. Voglio portare il mio amico Dino Conta. Ve lo ricordate? Il mio amico contadino che mi vende le belle verdure e la bella frutta per ricette slurpose (non chiamate l’Accademia della Crusca che siamo ad agosto e sono tutti in ferie) e mi regala perle di saggezza, e mi fa tirare fuori della bella musica, lo ricordate? Se non ve lo ricordate, …

Continua a leggere →

U. O. S. Uno

U. O. S.  Uno

Busso all’Ufficio Oggetti Smarriti, c’è un antico battiporta a testa di leone dalla cui bocca viene fuori l’anello da prendere e mandare su e giù fino alla porta per fargli fare “toc toc”. La porta si apre automaticamente, non c’è portiere. In realtà non c’è neanche un custode; all’UOS tutti siamo custodi di tutto, perché gli Oggetti (qualcosa/qualcuno) Smarriti appartengono a tutti, nessuno ne è proprietario esclusivo. Entro, percorro il corridoio luminoso e vado in …

Continua a leggere →

Ufficio Oggetti Smarriti U.O.S. zero

Ufficio Oggetti Smarriti U.O.S. zero

Qualche giorno fa, prima di entrare nel vero periodo estivo, vi avevo suggerito lo State notevoli! Vi avevo detto che “vi avrei fatto sapere”, come si fa nei migliori casting di personaggi, interpreti, idee e manifestazioni d’interesse. Ecco, dopo riflessione dettata dal vissuto di questi giorni, sono giunta alla conclusione che la rubrica di questa estate debba essere legata a qualcosa (che sia un oggetto, che sia un modo di dire, che sia un modo …

Continua a leggere →

FERMO il razzismo. E tu?

FERMO il razzismo. E tu?
Continua a leggere →

Marò con Arkè poco prima dell’aurora

Marò con Arkè poco prima dell’aurora

Cosa c’è poco prima dell’aurora? C’è il perfetto incontro con il poco dopo della notte. E’ quell’istante in cui la notte muore per dare vita al nuovo giorno. E’ quell’istante in cui, dopo aver trattenuto il respiro, lo lasci andare e, inspirando aria nuova, ti riempi di ossigeno vitale che pian piano ti risveglia e ti sussurra dentro: Vai! C’è un nuovo giorno per te! Una cosa del genere dev’essere. Per saperlo veramente, bisognerà attendere …

Continua a leggere →

Regalo di compleanno su Facebook. Del racconto di un amico

Regalo di compleanno su Facebook. Del racconto di un amico

Come ormai consuetudine, i compleanni si festeggiano anche sui social, soprattutto su Facebook che quotidianamente ci ricorda a chi dobbiamo degli Auguri. Ieri è toccato ad un mio carissimo amico, Franco Papalia, fare il compleanno e, mentre gli facevo gli auguri, ho notato che aveva cominciato a scrivere il racconto breve della sua vita. Allora l’ho seguito per tutto il giorno, tanto era avvincente il suo racconto. La nascita, la formazione, la professione, la vita: filo conduttore …

Continua a leggere →

State notevoli!

State notevoli!

Finirà la scuola, verrà l’estate e torneremo a casa. A quella casa che sa di feste comandate e di vacanze estive comandate. Che estate che sarà! No, aspettate un attimo. Questo attacco è troppo serio. Questo attacco è proprio un attacco all’estate e alle vacanze. Rifacciamo. Meno 5, meno 4, meno 3, meno 2, meno 1…. ci siamo! Neanche fosse Capodanno! No, no, non va bene. Ci riprovo. Cari lettori, siamo alla conta delle arance! …

Continua a leggere →

Tua figlia Espedita

Tua figlia Espedita

Oggi, 20 giugno 2016, desidero accogliere nel mio blog uno scritto di mia sorella, perché non si perda nell’oblio del trmpo che va… “A Papà, nel trigesimo della sua morte. Sono passati trenta giorni, Trenta giorni durante i quali ho potuto parlarti solo attraverso una fotografia. Durante i quali ho potuto solo ricordare il tuo profumo, i tuoi baci, i tuoi delicati silenzi. In questo mese ho dovuto fare i conti con la tua assenza, …

Continua a leggere →