Eureka, funziona! Così nella mia scuola

Si chiude oggi, 26 novembre, il secondo Festival dell’Educazione organizzato dalla Città di Torino. Ho avuto il piacere e l’onore di portare il contributo della mia scuola, l’Istituto Comprensivo “Niccolò Tommaseo” di Torino, al workshop su Eureka, funziona!, un progetto di Federmeccanica per le scuole. Insieme a Maria Carla Rizzolo, responsabile dei Centri di Cultura per il Gioco del comune di Torino, e Monica Pignatelli di Skillab, Centro valorizzazione Risorse Umane, abbiamo raccontato al pubblico …

Continua a leggere →

TweeTinkering

Sperimento…e allora vi incorporo il mio ultimo Tweet legato a Instagram che ritroverete anche su Facebook. Socialmediamente. Vediamo se funziona. Funziona? #bijoux ? #sciarpa ? #handmade Avvolgimi un po’ che ho fatto@un giretto da #tigeritalia e non… https://t.co/mJJDqXFmi1 — Mara Rechichi (@mararechichi) 25 novembre 2016

Continua a leggere →

Tinkering is here

 Armata di solita curiosità, a metà giugno sono partita per una tre giorni milanese di formazione su una nuova frontiera di innovazione didattica, il Tinkering. Il termine Tinkering è stato sviluppato dall’Exploratorium di San Francisco a partire da esperienze e ricerche del MIT ed  è una nuova metodologia educativa per l’apprendimento in STEAM (science – technology – art – engineering – mathematics) con un forte potenziale per lo sviluppo di innovazione, creatività e motivazione. Oggi viene considerata come …

Continua a leggere →

Quel NO alla scuola di Renzi

Riporto integralmente un articolo apparso stamane sulla newsletter di Tuttoscuola. Un interessante articolo del sociologo Ilvo Diamanti, intitolato ‘Cinque in pagella alla Buona Scuola. Ma gli italiani salvano gli insegnanti’ (Repubblica del 16 ottobre), si conclude con quella che l’autore definisce una sua “impressione”, una “idea”: “Che anche questa riforma, come il referendum costituzionale, sia irrimediabilmente personalizzata. Al di là del merito: è divenuta la Scuola di Renzi”. Insomma, per una parte degli italiani Matteo …

Continua a leggere →

Nobel letteratura 2016

Nobel letteratura 2016

Stamattina dovevo tenere una lezione di scienze, stiamo studiando il sistema solare. Mi sveglio, apro lo smartphone, leggo le notizie. Mi colpisce la scoperta di un nuovo pianeta nano, leggo tutta la notizia su Repubblica.it e mi dico: devo leggere questa notizia ai ragazzi in classe. Decido di acquistare il quotidiano versione cartacea, per portarlo in classe. E lo faccio. Al momento dell’intervallo mi metto a sfogliare il giornale per vedere l’articolo e prepararlo per …

Continua a leggere →

Creativi assai

Creativi assai

Da qualche ora gira sul web la protesta social verso la compagna pubblicitaria del Fertility Day, una nuova trovata del nostro Ministero della Salute per sensibilizzare i giovani sulla procreazione. L’attenzione dei più è rivolta esclusivamente alle foto e agli slogan che accompagnano tale campagna: “la fertilità è un bene comune” sullo sfondo di un rubinetto da cui scorre acqua (bene comune); “la bellezza non ha età, la fertilità si” con una donna che tiene …

Continua a leggere →

UOS due

UOS due

Torno all’Ufficio Oggetti Smarriti dopo due settimane. Stavolta non porto qualcosa, porto qualcuno. Voglio portare il mio amico Dino Conta. Ve lo ricordate? Il mio amico contadino che mi vende le belle verdure e la bella frutta per ricette slurpose (non chiamate l’Accademia della Crusca che siamo ad agosto e sono tutti in ferie) e mi regala perle di saggezza, e mi fa tirare fuori della bella musica, lo ricordate? Se non ve lo ricordate, …

Continua a leggere →

U. O. S. Uno

U. O. S.  Uno

Busso all’Ufficio Oggetti Smarriti, c’è un antico battiporta a testa di leone dalla cui bocca viene fuori l’anello da prendere e mandare su e giù fino alla porta per fargli fare “toc toc”. La porta si apre automaticamente, non c’è portiere. In realtà non c’è neanche un custode; all’UOS tutti siamo custodi di tutto, perché gli Oggetti (qualcosa/qualcuno) Smarriti appartengono a tutti, nessuno ne è proprietario esclusivo. Entro, percorro il corridoio luminoso e vado in …

Continua a leggere →